I tappi sintetici in enologia

10,00

I Tappi Sintetici in Enologia

Studio sperimentale che analizza in dettaglio le proprietà chimiche, fisiche, e meccaniche delle chiusure sintetiche: permeabilità, forza e curva di estrazione, caratteristiche meccaniche, ritorno elastico e comportamento a lungo termine dei tappi alternativi.

OPERA DI: DOMENICO LIBERATI
PAGINE: 80

CON IL SUPPORTO DI

ISBN: 888879204X Categoria:
I tappi sintetici in enologia
I tappi sintetici in enologia

Studio sperimentale che analizza in dettaglio le proprietà chimiche, fisiche, e meccaniche delle chiusure sintetiche: permeabilità, forza e curva di estrazione, caratteristiche meccaniche, ritorno elastico e comportamento a lungo termine dei tappi alternativi.

Leggere la prefazione
Domande
  • I tappi sintetici: origini, caratteristiche e mercato globale
  • I materiali costruttivi
  • I metodi di produzione
  • Risultati di analisi sperimentali
  • Legislazione materie plastiche e contatto con gli alimenti
Prefazione all'edizione italiana a cura del Prof. Roberto Ferrarini, Università degli Studi di Verona

Tutte le operazioni e le scelte che intervengono nel condizionamento del vino costituiscono una fase altamente critica; da questo momento in poi, infatti, il tecnico non può più agire direttamente sulla qualità del prodotto e le modificazioni che il vino subirà saranno direttamente percepite dal consumatore all’atto della sua mescita.
In particolare gli effetti del tappo scelto per la chiusura della bottiglia, sono solo in parte prevedibili e non completamente gestibili.
Per la realizzazione del tappo, il sughero è indubbiamente il materiale di gran lunga più tradizionale e di maggior richiamo culturale, ma anche responsabile di alterazioni, talora consistenti, della qualità del vino.
È quindi giustificata la ricerca di materiali alternativi in grado di sostituire le funzionalità tecniche e di servizio del sughero. I polimeri sintetici hanno raggiunto negli ultimi anni un elevato grado di affidabilità e consentono oggi al tecnico una vasta opportunità di scelta.
Tuttavia gli aspetti che il tappo sintetico coinvolge sono molteplici e non sempre assimilabili al comportamento di quello in sughero; per citarne alcuni: caratteristiche meccaniche, permeabilità ai gas e all’ossigeno, cessioni del polimero e sua idoneità alimentare.
La problematica è trattata in maniera esaustiva e con rigore scientifico da questo testo su “I tappi sintetici in enologia”: esso costituisce il primo approccio organico sul tema e sarà indubbiamente un valido supporto a tecnici e ricercatori che vorranno approfondire le loro conoscenze su questo argomento tutt’altro che semplice.

Dopo qualche cenno storico e di mercato, il manuale apre con i capitoli riguardanti i materiali costitutivi e le tecniche di produzione dei tappi sintetici, per poi affrontare le tematiche più squisitamente enologiche con dati ed esperienze realizzate “sul campo” dallo stesso Autore; chiude l’opera un’utile rassegna normativa e di riferimenti legislativi e bibliografici.

Un plauso infine all’Editore che aggiunge un ulteriore valido strumento per quanti operano nel comparto vitivinicolo italiano.

Sinossi del libro

Questa opera sui tappi sintetici illustra in maniera dettagliata i materiali, i metodi di produzione dei tappi e le leggi riguardanti l’utilizzo delle materie plastiche a contatto con gli alimenti.
Riporta inoltre uno studio sperimentale che analizza in dettaglio le proprietà chimiche, fisiche e meccaniche dei tappi: permeabilità, forza e curva di estrazione, caratteristiche meccaniche, ritorno elastico e comportamento a lungo termine dei tappi sintetici.
Domenico Liberati ci propone una sintesi delle conoscenze attuali in questo settore in continua evoluzione.
Un libro per approfondire l’universo dei tappi sintetici complementare, e non concorrente, al mondo del sughero tradizionale poiché ciascun prodotto risponde a specifiche necessità di soddisfazione del cliente.
Questa pubblicazione è destinata ai professionisti che siano enologi, imbottigliatori (di prodotti alimentari quali il vino, i superalcolici, l’olio, l’aceto ecc…), operatori del comparto vinicolo, cantinieri, viti-vinicoltori, docenti e studenti in enologia o tecnologie alimentari, ma anche agli eno-appassionati curiosi che desiderano aumentare le loro conoscenze sui tappi sintetici.

Foto-Autore-Domenico Liberati_800x524
L'AUTORE
Domenico Liberati

Domenico Liberati, Laurea in Ingegneria Chimica e Master in Digital Design & Strategy Innovation è stato tra i primi a pubblicare articoli scientifici sulle caratteristiche prestazionali dei tappi sintetici per il vino. È attualmente Global R&D Manager del gruppo Tapì e si occupa dello sviluppo di chiusure innovative e sostenibili per il mondo del beverage.

Peso 0.200 kg
Dimensioni 24 × 17 × 1 cm
I tappi sintetici in enologia
I tappi sintetici in enologia
10,00